home

PROFILO

 

Willy Schweizer (nato a Mezzano, diploma di perito edile e maturità artistica) e Maria Grazia Piazzetta (veneziana, maturità classica) frequentano l’Istituto Universitario di Architettura di Venezia - negli anni sessanta culturalmente e didatticamente all’avanguardia - formandosi professionalmente con maestri prestigiosi come Gardella, Albini, Piccinato, Astengo, Samonà, Belgioioso, e la voce storico - critica di Bruno Zevi.

Wright, Le Corbusier, Mies van der Rohe e, per la visione etica e umana dell’Architettura, Aalto, Erskine, Gellner diverranno da allora le grandi figure cui fare riferimento per sempre, al di là delle mode e dei facili manierismi.


Dopo la laurea conseguita nel luglio 1963 (relatore il prof. Luigi Piccinato con tesi di laurea “PRG Valle di Primiero e progetto di villaggio residenziale), iscritti dal 1964 all’Ordine degli Architetti della Provincia di Trento, iniziano un sodalizio di vita e di lavoro fondando a Mezzano lo Studio Architetti Associati Schweizer - Piazzetta che si trasferirà a Fiera di Primiero nel 1972 e nel 1976 a Tonadico, dove è tutt'ora operante.


La loro attività professionale percorre i settori dell’edilizia pubblica e privata, del restauro, dell’urbanistica, dell’arredamento e si svolge quasi esclusivamente nel Comprensorio del Primiero - Vanoi. Fanno ripetutamente parte di Commissioni Edilizie Comunali locali e della Commissione Comprensoriale Tutela Paesaggio di Trento e Valle dell’Adige.

Negli anni ’60 e ’70 l’attività di progettazione è prevalentemente residenziale e corrisponde alla fase di sviluppo edilizio dovuto alla spinta di un turismo in forte ascesa. Lo studio affronta successivamente molti concorsi di progettazione ottenendo sempre brillanti risultati, alcuni concretizzatisi in realizzazioni, come a Pinzolo, Pieve di Cadore, Cles, ecc.

Negli anni ’80, ’90 e 2000 la progettazione, in sintonia con le tendenze socio - economiche del territorio, riguarda soprattutto le opere pubbliche: strutture sportive, culturali, assistenziali e turistiche.

La frequentazione dal 1993 in poi agli eventi culturali e ai viaggi di studio proposti dal Circolo Trentino per l’Architettura Contemporanea, di cui divengono soci e membri del Direttivo, è di grande arricchimento culturale e di stimolo progettuale. Lo Studio partecipa a seminari universitari di progettazione, espone in numerose mostre di Architettura in Italia e all’estero, presenta le proprie opere e svolge interventi critici in lezioni, convegni e conferenze.


Tre importanti Premi di Architettura (Caritro 1996, Archilegno 2003, Intraluoghi 2008) vengono assegnati a opere costruite su progetti dello Studio.

Un'opera (case a schiera a San Martino di Castrozza) è stata inserita dal DARC (Direzione generale per l'Architettura e l'Arte Contemporanea) nell'elenco delle opere protette di rilevante interesse storico artisitco dal 1945 ad oggi.

 

Privacy & Cookies Policy